CASCINA BIBLIOTECA: UN ESEMPIO RIUSCITO DI INTEGRAZIONE

Cascina  Biblioteca si sta evolvendo sempre più come un centro multipurpose in ambito sociale che alle iniziali attività di inserimento lavorativo di persone svantaggiate e di formazione di persone con disabilità ha visto via via aggiungersi l’attività di assistenza sia diurna che residenziale a persone disabili, l’apertura di servizi specifici ad un pubblico più ampio come bambini e anziani e ultimamente l’apertura alla città con il Vagone,  il Ristorante didattico e il negozio di vendita di prodotti BIO.

E’ proprio questo l’ambiente ideale in cui sviluppare progetti di  integrazione di persone con disabilità secondo modelli che vedono la persona con disabilità primo attore del proprio progetto di vita.

La soluzione che Fondazione Idea Vita oggi porta avanti e quella che prevede la Fondazione impegnarsi, tramite l’azione di monitoraggio, nell’assistere la famiglia a individuare un progetto di vita rispettoso delle esigenze della persona con disabilità in modo particolare tenendo conto del “dopo di noi”  affidando a cooperative di comprovata apertura culturale e capacità la realizzazione del progetto.

La Fondazione Idea Vita orgogliosa di aver partecipato fattivamente alla realizzazione di questo ambiente si sta impegnando nella diffusione di questa forma di integrazione sia in ambito cittadino che nazionale.

La partecipazione attiva al Comitato di Fondazioni in Rete che si riunisce tre volte  all’anno a Bologna è una importante occasione di  confronto sul tema con altre Fondazioni operanti nel territorio nazionale è un primo esempio di questa diffusione.

Altre occasioni si sono sviluppate direttamente in Cascina. Recentemente sono venuti a trovarci per raccogliere spunti di riflessione sulla modalità di gestione dei progetti di vita di persone con disabilità il Presidente di San Martino Cooperativa Sociale di Alzano Lombardo (BG) e il Presidente della Fondazione di famiglie Durante noi. Con entrambe si sono iniziate promettenti collaborazioni.